HALUBAJSKI ZVONČARI

Gli zvončari (scampanatori) sono un gruppo di uomini vestiti con pelli di pecora che, muovendosi, suonano le campane legate alla cintura per scacciare gli spiriti maligni. Questo tipo di maschere sono diffuse nel Mediterraneo, in particolare nelle zone carsiche, dove secoli fa la principale attività economica era l’allevamento del bestiame.

La caratteristica degli Halubajski zvončari che li distingue dagli altri gruppi di scampanatori sono le maschere che coprono completamente il viso e la loro processione tradizionale che si svolge durante tre giorni di Carnevale (domenica, lunedì e martedì) sempre nello stesso ordine. Sebbene si rifacciano ad antichi rituali – richiamare la primavera (rinascita) e scacciare l’inverno (il male, la morte) – questa processione ancor oggi nei villaggi di questi territori costituisce una parte importante della vita sociale alla quale si associano la gastronomia, l’artigianato e le danze. In diverse occasioni, i regimi totalitari hanno tentato di sopprimere queste tradizioni ma nonostante ciò si sono sempre mantenuti ancora più vivi e ampiamente sostenuti dalla gente. Nel 2009 il percorso centenario degli Halubajski zvončari è stato inserito nella Lista del patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO.

Con la loro imponente esibizione, gli scampanatori sono diventati un’attrazione turistica di prima classe. Questi guardiani delle tradizioni folcloristiche e dell’identità di Halubje e del territorio di Kastav sono noti ben oltre i confini regionali e rappresentano l’esempio per eccellenza del legame tra tradizione e modernità. L’Ente per il turismo del Comune di Viškovo con il progetto “Halubajski zvončari” unisce il passato con il futuro: utilizzando un approccio multimediale, la tradizione si avvicina alle generazioni moderne.

I percorsi della processione sono stati contrassegnati e allestiti e sono diventati percorsi pedonali e ciclabili. Questi percorsi conducono attraverso la storia, la cultura e la gastronomia e uniscono la vita tradizionale alle necessità dell’uomo moderno, desideroso di nuove esperienze. Quando tra le colline si sente il rumore dei campanacci avvicinarsi e la terra tremare, tra le persone riunite in attesa, cresce l’entusiasmo per il loro imminente arrivo. Questo è probabilmente il fenomeno più mistico che l’uomo del XXI secolo può vivere.