Passeggiate

I percorsi ben curati e allestiti richiamano a fare una piacevole passeggiata lungo i vari paesaggi boschivi in coppia, in compagnia o assieme ai vostri amici a quattro zampe. Non importa quale sia la ragione, tutti possono ammirare il meraviglioso paesaggio e forse anche scorgere qualche capriolo o falco. Inoltre, qui si possono osservare le gromače, ovvero muri a secco che delimitano i percorsi e circondano i kalići – dei piccoli acquitrini che servivano per abbeverare il bestiame.

Il sentiero boschivo Milohni

Il sentiero boschivo Milohni conduce fino al kalić Kapitovac. Questo percorso è allestito con panchine nonché dotato di segnaletica e da pannelli informativi sulla flora e sulla fauna di questo territorio.

Il sentiero Plešivac

Il sentiero Plešivac, lungo 8,6 km, è adatto a tutte le età e offre tranquillità e svago in un paesaggio boschivo. In alcuni punti si può ammirare la splendida vista sul golfo del Quarnero. Questo sentiero collega Marčelji a Tibljaši ed è caratterizzato da salite leggere. La cima più alta è Plešivac (il nome deriva dalla parola plešiv cioè calvo) con 429 m sul livello del mare.

Il sentiero Lončeva griža

Lončeva griža è un sentiero pedonale più impegnativo che con i suoi 15 km di lunghezza offre splendidi panorami sul Quarnero, sulle montagne del Gorski Kotar e sui territori di Kastav e Grobnik, specialmente dalle rocce calcaree sulla cima Lončeva griža a 506 m (griža = cumulo di rocce). Un sentiero tortuoso porta villaggio di Skvažići a un percorso educativo con informazioni sul lavoro e sugli strumenti uzilizzati nella cava da scalpellini ed escavatori. Su una roccia calcarea sotto il punto panoramico si trova un’eccezionale mostra all’aperto chiamata Pogled s kamika (Panorama dalla roccia).

Il piccolo sentiero Putić od miće i vele sopele

Il piccolo sentiero Putić od miće i vele sopele (piccole e grandi sopile) rievoca antiche melodie che sono state conservate grazie agli sforzi di Ivan Matetić Ronjgov, la cui casa natale si trova nelle immediate vicinanze. In passato, su questo sentiero camminava lo stesso compositore e ascoltava i cani della gente del posto mentre lavoravano nei campi trascrivendoli in note.